05 novembre 2018

Digital Marketing Turistico e il motore (di ricerca) che muove il mondo

Google è il punto di inizio della maggior parte delle ricerche online degli Utenti, senza eccezioni per la prenotazione di viaggi e soggiorni. Avere una presenza solida nella pagina di Google è importante per tutelare la Brand Reputation, stimolare le vendite dirette e avere una solida Digital Marketing Strategy.

 

News 29.10

 

Gli operatori del settore turistico, in relazione al mondo digitale, hanno sempre delle aspettative equilibrate, credono negli strumenti di Web Marketing e li riconoscono nel loro duplice scopo: gestire la reputazione online e aumentare le performance di vendita.

I manager delle strutture turistiche hanno obiettivi di digital business ben precisi che possono essere riassunti in queste domande, che quotidianamente fanno alle realtà come MM ONE Group:
- Come faccio ad aumentare i margini di guadagno online?
- Dove posso intercettare più Utenti di qualità?
- Come faccio a rendermi un po’ più indipendente dalle OTA?

L’unica risposta plausibile, e professionale, è avere una strategia di Digital Marketing Turistico che comprenda delle attività mirate verso i potenziali Ospiti di una località, di un hotel o di una qualsiasi struttura ricettiva.

Cos’è il Marketing Turistico?

Facciamo un passo indietro, partendo dalla definizione di turismo fornita da treccani.it
Il turismo è “L’insieme di attività e di servizi a carattere polivalente che si riferiscono al trasferimento temporaneo di persone dalla località di abituale residenza ad altra località per fini di svago, riposo, cultura, curiosità, cura, sport ecc. Il t. è pertanto trasferimento ciclico: partenza dal domicilio abituale, arrivo ed eventuale soggiorno nella località di destinazione, ritorno alla località di partenza.“

Ci teniamo molto ad aggiungere, a questa già di per sé corretta definizione un paio di affermazioni:
- il turismo non è solo l’insieme delle attività e dei servizi, ma anche delle relazioni che si instaurano ai fini del turismo stesso.
- il turismo è una serie di attività economiche i cui prodotti soddisfano i bisogni dei viaggiatori (svago, relax, cura, sport,…)

A questo punto si innesca perfettamente lo scopo di fondo del marketing turistico, ovvero la promozione di tali attività, servizi e relazioni, volta a incitare lo sviluppo delle strutture e delle attività imprenditoriali di un determinato territorio, per un certo periodo di tempo.

Il turista è il decisore assoluto nei processi di scelta e di acquisto, perciò il professionista del web marketing turistico dovrà tenere conto dell’offerta turistica, del territorio circostante e degli strumenti di prenotazione online come il direct booking del sito ufficiale, le OTA come Booking.com o Expedia, o i metasearch website come Trivago, Tripadvisor, MyItaly e Google Hotel ADS che da la possibilità di collocare la propria attività su un preziosissimo strumento di ricerca per l’utente: le mappe.

Google, Google Maps e Google Hotel ADS il triangolo della disintermediazione

Come citato nell’incipit, la maggior parte delle ricerche di un soggiorno comincia da Google che, negli anni, ha aggiunto sempre più servizi nella sua pagina dei risultati della ricerca, ben consapevole della potenzialità della sua vetrina mondiale.
Quando un potenziale Ospite cerca su Google un hotel lo può fare in tre modi:

- conosce la località dove alloggiare ma non sa in quale struttura (e il momento dell’acquisto potrebbe non essere così vicino)
- conosce la zona dove alloggiare ma non sa in quale struttura (e il momento dell’acquisto potrebbe essere un po’ più vicino)
- conosce già il nome della struttura dove alloggerà (e il momento dell’acquisto è vicino)

Analizzando quest’ultimo punto, la situazione che Google ci propone è quella riportata nell’immagine qui sotto.

 

News 29.10

 

Nella colonna di sinistra, in ordine:
- al primo posto gli annunci PPC dell’hotel stesso, fini alla brand protection, che valicano il monopolio delle OTA;
- al secondo posto gli annunci PPC delle OTA e dei Metacomparatori di prezzo;
- al terzo posto i risultati organici, presenti grazie ad una strategia SEO corretta;

Nella colonna di destra, in ordine:
- il pulsante “sito web”, risultato organico di una scheda Google MyBusiness ben compilata;
- la tariffa di vendita degli alloggi del sito ufficiale che, con una corretta strategia di vendita, deve essere la migliore tariffa garantita, per quelle date, per quella tipologia di camera;

Avere questo tipo di copertura con la propria struttura turistica significa tendere alla disintermediazione, stimolando in tutti i punti possibili, la prenotazione diretta.

Le altre due casistiche di ricerca, per località e zona, trovano il più ampio respiro nelle mappe di Google. Per esempio, si stima che la ricerca di un hotel di lusso in centro storico a Venezia siano 66.125 sulla ricerca classica di Google e ben 466.341 su Google Maps in un solo trimestre.
È quindi importante dotarsi della giusta tecnologia per essere presenti correttamente nelle mappe.

BookingOne è lo strumento giusto di connect manager per gestore la propria presenza su Google Hotel ADS, sia con la tradizionale formula CPC (costo per click), che con la recente formula CPA (costo per acquisizione) dove il pagamento avviene solo se viene conclusa una prenotazione diretta nel direct booking della struttura.

Il servizio di Digital Marketing Turistico di MM ONE Group incoraggia le prenotazioni soggiorno, veicolando il valore aggiunto di ogni singola struttura turistica, stimolando l’acquisto nei canali più remunerativi, tendendo così alla disintermediazione.
Se gestisci una struttura ricettiva, o ti occupi di turismo, contattaci, saremo lieti di studiare la migliore strategia per la tua realtà.

 

Richiedi info